Dopo avere fatto finta di giocare, e di fare il mestiere per il quale vengono pagati in un modo osceno, i nostri “eroi” del pallone devono fare rientro a casa perchè sconfitti dalla nazionale spagnola nel corso dell’Europeo di Calcio.
Non ho visto la partita perchè è da anni che mi disinteresso di calcio e ne parlo solo per esprimere il mio dissenso verso la percezione che l’italiano ha delle cose importanti.

Che la nazionale italiana, guidata dal solito allenatore cornuto (perchè ha perso; se vinceva era un genio!), abbia perso la partita e se ne debba tornare a casa, non me ne può fregare di meno. Quello che mi amareggia è che la gente, molta gente, pensa che quanto accaduto sia una cosa grave.
A me sembrano gravi altre cose, come l’illegalità in parlamento, la devastazione del territorio per non far scomodare i cittadini campani e costringerli alla differenziazione dei rifiuti, l’abolizione dell’unica tassa federalista (ICI) da parte di un governo federalista, la formulazione di leggi che salvino il culo di ladri e corruttori, la scuola italiana che è la peggiore d’europa, lo scandalo dell’edilizia selvaggia, l’indebitamento pubblico, l’informazione pilotata ed altro.

La nazionale italiana se ne torna a casa bastonata, meritatamente. Erano fuori ed ora ritornano.
Anche il popolo italiano è fuori per cinque anni; speriamo che torni!

Ciao Ciao 😐

Annunci