Nel 1968, dopo gli avvenimenti del Tet, che misero in crisi l’america di Johnson, gli USA si dovettero rendere conto che
la Guerra del Vietnam non solo non era vinta, ma era ben lungi dall’essere alla fine.
Dopo quattro anni di guerra e oltre 30.000 soldati USA morti atrocemente, la situazione non era per nulla diretta verso il successo, anzi.
Il progressivo passaggio dello sforzo militare dalle spalle americane a quelle sudvietnamite, si concluse con il frettoloso abbandono della ambasciata americana di Saigon, in un orgia di elicotteri, di profughi, di vietnamiti che volevano raggiungere la “grande” america.
Nel 1973 gli americani lasciarono definitivamente il Vietnam del sud, dopo aver lasciato sul campo 58.189 soldati e messo in ospedale 300.000 feriti. Avevano perso la guerra, sconfitti da guerriglieri scalzi e in pigiama nero e dagli studenti delle università americane e di tutto il mondo.

In Afghanistan la situazione si sta ripetendo.
Quello che non doveva essere un altro Vietnam, è diventato in 9 anni, un altro Vietnam. Dopo atroci combattimenti, un numero imprecisato (volutamente) di morti da ambo le parti, dopo migliaia di vittime civili inermi ed una spesa economica colossale.
Ora gli assassini statunitensi, schiacciati dal peso del loro incommensurabile debito finanziario e dall’irriducibilità degli afghani, stanno cercando spasmodicamente dei contatti per andarsene.

Che figura di merda!
9 anni di guerra per nulla.
Il nemico talebano non è ora più debole di prima, la corruzione nel governo fantoccio è ai massimi livelli, la popolarità ed il consenso agli americani al minimo.
Bush “Lo Squartatore” ha ucciso senza ragioni, ha mietuto deliberatamente migliaia di vittime innocenti per impadronirsi di quattro sassi e del petrolio afghano e per uccidere Bin Laden, un uomo morto con la cui famiglia gli USA facevano affari da decenni.
Tutto per illudersi di avere sconfitto Al Qaeda ed il terrorismo.
Il terrorismo ed un altro Al Qaeda ci saranno sempre finché ci sarà qualcuno che sfrutta e offende qualcun altro.

Nove anni di guerra per ammazzare una mosca. Nove anni di massacri per illudersi di avere fermato il terrorismo, senza mai rendersi conto che gli USA stessi sono terroristi.
Ed ora tutti a casa, senza rimorsi, senza pentimenti e senza dubbi!

Annunci