In un aforisma di Murphy si dice che:
“Quando un problema causa molte riunioni, alla fine il problema vero sono le riunioni!”

In italia sembra così importante dichiarare una emergenza, che è imperativo trovare le emergenze e se le emergenze non si trovano, è una emergenza.
Emergenza malavita organizzata, emergenza rifiuti, emergenza sanità, emergenza dissesto idrogeologico, emergenza economica, emergenza politica, emergenza culturale, emergenza immigrazione, emergenza emigrazione, emergenza importazioni, emergenza evasione fiscale, emergenza prostituzione, ecc. ecc. ecc.

E’ mai possibile o probabile che ci possa essere un anno senza nemmeno una emergenzina?
In questa italia con un piede nella fossa, non è possibile che qualcosa vada bene tanto da essere presa ad esempio, per rimediare a tutte le emergenze che ci seviziano i coglioni?
Secondo me le emergenze imparano ad esserlo e in italia c’è la scuola.
Ogni situazione fosca/losca impara a divenire una emergenza, prendendo esempio da tutte quelle che l’hanno preceduta e che a loro volta sono divenute emergenze su cui angosciarsi.

Finanziare le emergenze è un dovere e lo è a tal punto che non è più possibile capire se è nata prima l’emergenza in se o l’emergenza di trovare i soldi per finanziarla.
Si potrebbe perfino dire che l’italia è un paese emergente, ma quelli emergenti sono un’altra cosa (Cina, India, Russia) e ci stanno facendo un culo come un paiolo.
Noi siamo un paese di emergenze di cui non essere particolarmente orgogliosi.

Annunci