zombie

Dopo la rinomina di morfeo a capo dello stato, l’italia ha ufficialmente dichiarato la sua fine.

La dignita del paese era già largamente devastata da un ventennio di nani, troie, ladri, fannulloni, truffatori, deficienti, donnette e rifiuti, ora la bancarotta morale, civica, politica ed economica si e’ compiuta.
La politica già asfittica e morente, è spirata definitivamente. Gli accordi indecenti tra destra e sinistra si sono consolidati, quindi non c’è più politica, non c’è confronto e non c’è più la libertà che credevamo fosse un diritto.
La penisola italica è da oggi una dittatura della inutilità, una montagna di rifiuti, una discarica politica, un bacino di compostaggio in cui sono finiti i rifiuti organici della peggiore italia.
La nostra storia di nazione repubblicana e’ conclusa ed è finita nel modo peggiore.
Non sono stati gli americani, non sono stati i nazisti, non sono state le BR e nemmeno la mafia a distruggere la nazione, ma la popolazione stessa.

Il suicidio morale, civico, etico, culturale ed economico è avvenuto per impiccagione. L’italia si è stretta la corda al collo ed ha tirato forte, finendo per morire.
Ha vinto la vecchiaia, la stasi, il rigurgito, il vomito, la cancrena culturale e sociale; la disfunzione multiorgano ha colpito tutto, politica, economia, scuola, educazione, futuro, gioventù, democrazia, libertà ed ha cancellato le pagine migliori della nostra storia.
I padri della patria sono stati assassinati, vilipesi, offesi, sconfessati e svalutati. I morti delle due guerre sono deceduti invano e i nati da allora hanno campato per nulla, per dare ai propri figli quel peggio che va oltre ogni immaginazione.

L’italia e’ morta.
L’ITALIA E’ MORTA!
Gli ITALIANI non ci sono più.
E’ rimasto uno stivale vuoto, lacero, maleodorante, indecente, che rifiuta persino il terzo mondo.

E’ la fine. La fine di tutto!

Annunci