Per esofagectomia si intende l’asportazione chirurgica totale o parziale dell’esofago.
L’intervento si rende necessario per patologie varie che rendono il canale esofageo stenotico, impedendo il transito degli alimenti sia solidi che liquidi.
Tra le malattie responsabili vi sono:

  • Carcinoma dell’esofago, in cui la neoplasia progressivamente infiltra la parete o si accresce nel lume riducendone il calibro
  • Esofagite da reflusso
  • Esofagite da ingestione di sostanze caustiche.

L’esofagectomia parziale interrompe il canale esofageo, che viene ricostruito mediante l’affrontamento dei due monconi residui.

Quando l’asportazione dell’esofago è totale, il ripristino del transito avviene sostituendo il viscere asportato. Al suo posto può essere usato lo stomaco che viene tubulizzato o più spesso un segmento di intestino tenue o meglio di colon che viene isolato col suo peduncolo vascolare dal tratto intestinale ove risiede e trasposto in sede toracica.

esophagectomy

1. Container

  • Base Grande
  • Torace
  • Enterostati
  • Videolaparo

2. Strumentario

  • Per VL:
    • Thermos
    • Clippatrice viola
    • Bipo ad anelli
    • Passafilo
  • Per torace:
    • Tappeto magnetico
    • Manopole scialitica

3. Garze

  • Flanelle laparotomiche per entrambe le fasi dell’intervento
  • Garze 7.5×7.5 per la fase laparoscopica e 10×10 per la fase toracotomica

4. Teleria

  • Teleria succiciente per esporre l’intera area addominale e, successivamente, l’emitorace destro
  • Copricosciali per coprire gli arti inferiori divaricati

5. Fili Sutura e Lame

  • Per la laparoscopia:
    • Lama 10
    • Atraumatico intrecciato 5/8 per la borsa di tabacco ombelicale
    • Fili per la cute
  • Per la fase toracotomica:
  • Lama 20
  • Atraumatici per la chiusura dei muscoli
  • Atraumatico per il sottocute
  • Fili per i punti di avvicinamento costale
  • Fili per fissare i drenaggi
  • Punti di rinforzo sull’anastomosi esofago-gastrica
  • Lacci 0 per legare la vena Azigos

6. Suturatrici

  • Endo GIA 45 e 60
  • EEA 21, 25 e 28 con punti 4.8mm

7. Presidiato

  • Vesseloop blu e rossi
  • Copritelecamera
  • Circuito di aspirazione elavaggio
  • Aspiratore open + cannula di ricambio
  • Ligasure 5mm
  • Drenaggio laminare
  • Drenaggio toracico 32
  • Raccoglitori per i drenaggi

8. Annotazioni

  • /

9. Letto e Posizioni

  • Posizione supina a gambe divaricate per la fase addominale con accesso venoso a sinistra
  • Cuscino vac-pak. CV, SNG e Arteria per IBP
  • Per la fase toracica, decubito laterale sinistro con arti superiori per toracotomia postero-laterale
  • Cuscino soffice tra gli arti inferiori

10. Descrizione dell’intervento

Prima parte – Mobilizzazione gastrica

  1. Posizionamento dei trocar (2 da 10/12 mm e 2 da 5mm)
  2. Esplorazione della cavita’ addominale
  3. Sezione del legamento gastro-colico con Ligasure e Johanne
  4. Preservazione delle arteria e vena gastroepiploica di destra
  5. Legatura e sezione delle arteria e vena gastroepiploica di sinistra alla radice con clip viola e Ligasure
  6. Manovra di Kocher per la mobilizzazione del duodeno
  7. Preservazione delle arteria e vena gastrica di destra e legatura e sezione delle arteria e vena gastrica di sinistra con clip viola e Ligasure

    esophagectomy2

  8. Modificazione dello jato esofageo
  9. Repertazione del pilastro diaframmatico destro e liberazione dello jato fino al pilastro sinistro
  10. Sezione dell’anello jatale con Ligasure/forbice
  11. Liberazione del cardias e del terzo distale esofageo per quanto possibile
  12. Controllo dell’emostasi e toilette peritoneale
  13. Conteggio dello strumentario e del garzame
  14. Posizionamento di drenaggio laminare

Seconda parte – Esofagectomia

  1. Toracotomia destra postero-laterale al 5 spazio intercostale a polmone gia’ escluso
  2. Incisione della pleura mediastinica posteriore
  3. Isolamento dell’esofago dai tragitti vascolari aorto-esofagei con l’uso di clips, bipolare e forbici

    esophagectomy1

  4. Legatura e sezione della vena Azigos con lacci
  5. Repertazione dell’esofago con Vesseloop blu per favorire la mobilizzazione
  6. Posizionamento della pinza REB a circa 4 cm. dalla neoplasia
  7. Passaggio del filo con aghi retti e applicazione della pinza Satinsky
  8. Sezione dell’esofago con bisturi angolato e disinfezione
  9. Con l’aiuto di Chaput lunghe si apre il moncone esofageo prossimale
  10. Applicazione di punti di ancoraggio mucoso-muscolare in atraumatico monofilamento
  11. Introduzione della testina della EEA
  12. Chiusura della borsa di tabacco
  13. Gastrotomia sulla parete anteriore delloo stomaco, con bisturi elettrico a basso potenziale
  14. Con l’aiuto di Chaput lunghre, viene introdotto il battente della suturatrice e lo sperone viene faqtto uscire dal fondo gastrico
  15. Ricongiunzione della suturatrice e confezionamento dell’anastomosi
  16. Applicazione di punti di rinforzo sulla anastomosi, in atraumatico monofilamento
  17. Confezionamento di flap pleurico che viene avvolto attorno all’anastomosi
  18. Posizionamento di drenaggio pleurico
  19. Conteggio dello strumentario e del garzame
  20. Chiusura delloa toracotomia
Annunci