È un po’ strana questa commemorazione settembrina per un evento-fandonia come l’attacco alle Twin Towers di 12 anni fa. Non si tratta di fandonia l’evento in se – 2996 morti sono tanti e sono sinceramente addolorato per loro – quanto la chiave di lettura che gli si è voluta appiccicare per drogare coscienze e intelligenze su scala mondiale. Quella droga, progettata e realizzata con demoniaca premeditazione, ha instupidito diversi miliardi di persone che hanno creduto a quello che gli ideatori hanno voluto credessero.
Le due guerre di invasione senza esiti pacifici, di Iraq e Afghanistan, sono, come si suol dire, storia tristemente e amaramente attuale.

Dell’attacco alle torri gemelle ci si deve ricordare a forza, in questo paese suddito degli amerikani, ma non si ricordano gli anniversari di quanto hanno causato le “buone azioni” degli amerikani nel resto del mondo negli ultimi 100 anni. Vogliamo ricordarne qualcuno?
Gli USA – i cari amici amerikani – hanno effettuato i seguenti bombardamenti:

  • Cina 1945-6
  • Corea 1950-3 (Guerra di Corea)
  • Guatemala 1954
  • Indonesia 1958
  • Cuba 1959-61
  • Guatemala 1960
  • Vietnam 1961-73
  • Congo 1964
  • Laos 1964-73
  • Perù 1965
  • Cambogia 1969-70
  • Guatemala 1967-69
  • Grenada 1983
  • Libano 1983-84
  • Libia 1986
  • El Salvador anni ‘80
  • Nicaragua anni ‘80
  • Iran 1987
  • Panama 1989
  • Iraq 1991-2002
  • Kuwait 1991
  • Somalia 1993
  • Bosnia 1994-5
  • Sudan 1998
  • Afghanistan 1998
  • Jugoslavia 1999
  • Afghanistan 2001-200?
  • Iraq 2003-200?


Sempre i democratici pacifisti amerikani hanno usato armi non convenzionali nelle seguenti occasioni:

  • Uranio impoverito utilizzo nella guerra del Golfo 1991 e in Jugoslavia 1999, Afghanistan 2001-200?
  • Bombe a grappolo utilizzo in Laos 1965-73, Vietnam 1961-73, Cambogia 1969-70, Jugoslavia 1999, Afghanistan 2001-200?, Iraq 2003-200?

Per cospargere di candida democrazia i paesi del mondo intero, gli “amerikani-amici-della-vita” hanno dispensato aggressioni chimiche e batteriologiche nelle seguenti occasioni:

  • Bahamas anni ‘40-50 esperimento: segreto di stato
  • Canada 1953 esperimento: diffusione di solfuro di zinco-cadmio sulla città di Winnipeg
  • Cina e Corea anni ‘50 attacco batteriologico, bombardamenti con napalm
  • Corea anni ‘60 cospargimento dell’erbicida diossinico Agente Orange
  • Vietnam anni ‘60-70 cospargimento dell’erbicida diossinico Agente Orange, bombardamenti con Napalm
  • Laos anni ‘70 utilizzo del gas nervino Sarin (CBU-15 o GB)
  • Panama anni ‘40-’90 svariati test di Agent Orange, Iprite, VX, Sarin, Cianuro di Idrogeno e altri gas nervini ed erbicidi
  • Cuba anni ‘50-60 probabile diffusione di zanzare portatrici di febbri dengue e febbre emorragica poi effettivamente verificatesi, contaminazione dello zucchero, contaminazione di allevamenti di tacchini con il morbo di Newcastle, contaminazione degli allevamenti di maiali con virus della febbre del maiale africano, diverse contaminazioni delle coltivazioni

Però la Siria va annientata per le stesse azioni. Brutta e cattiva!

Non solo gli “amici amerikani” hanno pensato ad aggredire i popoli al di fuori dei propri confini, ma ha anche pensato bene di “provare” curiosi accorgimenti chimico-democratici sul proprio popolo:

  • New York 1950 test per provocare epidemia di ruggine dei cereali
  • San Francisco 1957 test di attacchi batteriologici di Bacillus globigii e Serratia marcescens
  • Minneapolis 1953 test di rilasci di zinco-cadmio
  • St. Louis 1953 test di rilasci di zinco-cadmio
  • Washington DC 1953 test di rilasci di zinco-cadmio
  • Florida 1955 test di epidemia di pertosse
  • Florida 1956-58 test di diffusione di zanzare
  • New York City 1956 test di irrorazione nella metropolitana del Bacillus subtilis variant niger
  • Chicago 1960 test di irrorazione nella metropolitana del Bacillus subtilis variant niger

Se le soluzioni “amichevoli” non sono sufficienti a far gioire gli “amici amerikani”, il sovvertimento delle elezioni politiche in paesi stranieri, può aiutare la diffusione della “democrazia”. Alcuni esempi?

  • Filippine anni ‘50
  • Libano anni ‘50
  • Indonesia 1955
  • Vietnam 1955
  • Guyana 1953-64
  • Giappone 1958-anni ‘70
  • Nepal 1959
  • Laos 1960
  • Brasile 1962
  • Repubblica Dominicana 1962
  • Guatemala 1963
  • Bolivia 1966
  • Cile 1964
  • Portogallo 1975
  • Australia 1974
  • Giamaica 1976
  • Panama 1984, 1989
  • Nicaragua 1984, 1990
  • Haiti 1987-88
  • Bulgaria 1990-91
  • Albania 1991-92
  • Russia 1996
  • Mongolia 1996
  • Bosnia 1998

Non possono mancare, per un vero “paese democratico”, le azioni militari. Sono piccoli e brevi week-end di relax per chi ha l’onore di ospitare i democratici stati uniti d’amerika. Vediamo queste “villeggiature” a partire dal 1945, a guerra appena conclusa:

  • 1945 – 1949: Intervento in Cina per cercare di impedire la vittoria della rivoluzione popolare e mantenere la presenza USA nel paese. Gli Stati Uniti usarono i soldati giapponesi sconfitti e li fecero combattere con loro. Le forze popolari fecero fuggire Chiang Kai Sheck nel 1949.
  • 1946 – 1949: I marines degli USA e le truppe inglesi intervengono nella guerra civile greca a fianco dei neo fascisti e contro la sinistra della Grecia, che aveva combattuto coraggiosamente contro i nazisti. La CIA crea una nuova “agenzia di sicurezza” interna in Grecia, la famigerata KYP, che utilizza terribili sistemi applicati anche dalla polizia segreta, come la tortura sistematica.
  • 1948 – 1953: Nelle Filippine, circa 900 militari delle forze armate degli Stati Uniti aiutano il governo favorevole agli USA a schiacciare una rivolta popolare e a installare una serie di governi alleati, tra i quali la dittatura di Ferdinando Marcos.
  • 1950 – 1953: La guerra di Corea. Dopo la seconda guerra mondiale, gli USA reprimono le forze progressiste popolari favorendo i conservatori che avevano collaborato coi giapponesi nelle operazioni militari. Partecipano 350.000 uomini, 1.000 carri armati, 1.600 aerei e 300 navi da guerra.
  • 1953: In Iran il primo ministro Mossadegh viene eliminato da un’azione congiunta di Stati Uniti e Gran Bretagna. Mossadegh era stato eletto dalla maggioranza del parlamento e guidava un movimento per nazionalizzare una compagnia petrolifera. Il golpe restituì il potere assoluto allo Scià, che iniziò un periodo, durato 25 anni, di repressione e tortura.
  • 1954: Gruppi di mercenari addestrati e diretti dagli Stati Uniti, con l’appoggio aereo, invadono il Guatemala eliminando il governo eletto democraticamente da Jacobo Arbenz, e danno inizio a 40 anni di esecuzioni di massa che hanno lasciato un saldo di almeno 100.000 vittime. Arbenz aveva nazionalizzato la United Fruit Company, strettamente vincolata alla elite del potere nordamericano.
  • 1958: 14.000 marines sbarcano in Libano con l’appoggio della sesta flotta.
  • 1961: Una brigata di mercenari addestrati e diretti dagli USA, con appoggio aereo e logistico nordamericano, cercano di sconfiggere la Rivoluzione iniziata il primo gennaio del 1959 a Cuba. Gli invasori vengono respinti in meno di 72 ore a Playa Girón, sulla costa sud del centro dell’isola.
  • 1964 – 1973: L’intervento in Viet Nam. Dopo 23 anni e un milione di morti, gli Stati Uniti ritirano le truppe dal Viet Nam lasciando un paese distrutto e totalmente inaridito per la violenza dei bombardamenti.
  • 1965: Gli USA intervengono con i marines nella Repubblica Domenicana.
  • 1971 – 1973: La Casa Bianca autorizza la CIA ad effettuare colpi di stato in Cile, Bolivia e El Salvador.
  • 1982: Le truppe USA sbarcano nuovamente in Libano.
  • 25 ottobre 1983: Granada: la mattina le prime unità di un contingente di 6.000 soldati degli USA inizia l’occupazione di questa piccola isola dei Caraibi.
  • 20 dicembre 1989: gli Usa invadono Panama con 26.000 soldati, metà dei quali erano presenti nelle basi militari del Comando Sud del paese. I militari usarono armi sofisticate – molte vennero usate per la prima volta – uccidendo almeno 7.000 panamensi. La morte di queste persone venne giustificata dalle autorità degli USA come “incidenti causati mentre si cercava di catturare l’uomo forte di Panama, Manuel Antonio Noriega, per i suoi vincoli col narcotraffico”.
  • 1990: I marines intervengono in un conflitto interno in Liberia.
  • 17 gennaio/27 febbraio 1991: avviene l’aggressione conosciuta come “Guerra del Golfo”, sferrata con il pretesto di liberare il Kuwait dall’invasione e annessione dell’Iraq del 2 agosto del 1990. La vittoria venne condivisa con una coalizione di truppe di diversi paesi guidati dagli USA, che vinsero grazie alla superiorità tecnologica di paesi come Gran Bretagna, Italia e Francia. In 42 giorni le forze USA gettarono sull’Iraq 88.500 tonnellate di bombe e missili.
  • 9 dicembre 1992: giungono in Somalia 1.800 marines, avanguardia di una forza multinazionale di 35.000 soldati per una presunta operazione umanitaria finalizzata a “combattere la fame” in questo paese.
  • 19 settembre 1994: 24.000 soldati USA con l’appoggio di navi da guerra, elicotteri e moderni mezzi da combattimento invadono Haiti, con il pretesto di garantire il trasferimento del potere della cupola golpista capeggiata dal generale Raul Cedras, al presidente eletto Jean Bertrand Aristide.
  • 16/20 dicembre 1998: USA e Gran Bretagna realizzano l’operazione “Volpe del Deserto”, con intensi bombardamenti ordinati dal presidente Clinton e con la giustificazione di distruggere un programma di armi di sterminio di massa dell’Iraq.
  • 24 marzo 1999: gli Stati Uniti utilizzano la NATO e iniziano le azioni di guerra contro la Yugoslavia. Le undici settimane di bombardamenti degli USA e della NATO causano perdite per almeno 30 mila milioni di dollari, la morte di duemila civili e seimila feriti.
  • 7 ottobre 2001: il governo nordamericano comincia un’escalation contro l’Afghanistan – per rappresaglia dopo gli attentati terroristi di Washington e New York dell’11 settembre del 2001- con l’appoggio delle forze armate della Gran Bretagna. È un pochino … “strano” che fino al giorno prima dell’attentato non si sapesse nulla degli attentatori e poi dopo si sapesse tutto, comunque…

Vogliamo infine ricordare gli anniversari amerikani, rammentando le azioni di “collaborazione” internazionale? Bene:

  • Cina 1949-51: addestramento, logistica, organizzazione, reclutamento a sostegno dei nazionalisti di Chaing Kai-Shek nella guerra civile contro Mao
  • Francia 1947-50: ostacolata la presenza politica e sindacale dei comunisti tramite finanziamenti, consulenze, addestramento ai socialisti e ai sindacati non comunisti e ricorrendo ad operazioni segrete dirette e tramite gli indipendentisti corsi
  • Isole Marshal 1946-1958: trasferita la popolazione per consentire i numerosissimi test di bombe nucleari
  • Italia: dal 1947 finanziamento della Democrazia Cristiana e organizzazione dell’apparato politico e propagandistico per influenzare l’elettorato, che nel 1948 portò all’instaurazione delle DC al governo per 43 anni!
  • Grecia 1947-49: intervento decisivo nella guerra civile a favore dei neofascisti e organizzazione dell’agenzia per la sicurezza interna, KYP
  • Filippine 1945-53: combattimento diretto contro le forze di sinistra Huk e pilotaggio delle elezioni fino alla dittatura di Ferdinando Marcos
  • Corea 1945-53: soppressione delle organizzazioni popolari precedentemente alleate e sostegno alle forze conservatrici precedentemente collaborazioniste con i giapponesi
  • Albania 1949-53: tentativo di organizzare il rovesciamento del governo comunista
  • Europa Occidentale anni ‘50-’70: costituzione dell’organizzazione segreta Stay Behind, finanziamento da parte della CIA tramite fondazioni e istituzioni a favore di partiti, riviste, agenzie di stampa, sindacati, gruppi studenteschi, associazioni di giuristi e avvocati
  • Iran 1953: rovesciamento di Mossadeq
  • Guatemala dal 1953: rovesciamento del governo, istituzione e protezione di un governo filo Usa responsabile di 200 mila vittime
  • Costarica 1955-1970: tentativi di rovesciare Figueres
  • Medioriente 1956-58: tentativi di rovesciamento del governo siriano, pressioni sui governi di Libano e Giordania, sbarco di 14 mila soldati in Libano, cospirazione per rovesciare Nasser
  • Indonesia 1957-58: tentativi di rovesciare Sukarno
  • Haiti 1959: uso di forze armate USA per fermare la rivolta contro il dittatore Duvalier
  • Guyana 1953-64: rovesciamento di Jagan
  • Iraq 1958-63: organizzazione del colpo di stato contro Kassem
  • Cambogia 1955-73: assassini politici, organizzazione del rovesciamento di Sihanouk, sostegno a Pol Pot e ai khmer rossi, che si macchiarono democraticamente di oltre 2.000.000 (due milioni) di morti
  • Laos 1957-73: organizzazione di colpi di stato nel 1958, 59 e 60; costituzione della milizia clandestina
  • Thailandia 1965-73: invio di consiglieri militari per il mantenimento della dittatura e per la repressione della popolazione civile e della guerriglia; finanziamento, armamento e addestramento della polizia e dell’esercito
  • Ecuador 1960-63: estromissione del leader Josè Velasco
  • Congo/Zaire 1960-65 e 77-78: estromissione ed assassinio del premier Patrice Lumumba; sostegno all’insediamento e al mantenimento della dittatura Mobutu
  • Francia Algeria anni ‘60: appoggio all’insurrezione dell’OAS, per impedire che De Gaulle concedesse l’indipendenza all’Algeria; tentativo poi abortito della CIA di assassinare De Gaulle
  • Brasile 1961-64: approvazione e supporto del colpo di stato contro Joao Goulart; sostegno della dittatura militare
  • Perù 1965: eliminazione di formazioni di guerriglieri ad opera dell’esercito americano
  • Repubblica Domenicana 1963-65: sostegno al rovesciamento del governo Bosch e invio di 23 mila soldati per sedare la rivolta contro i golpisti
  • Cuba dal 1959: quarant’anni di attacchi terroristici, attentati dinamitardi, invasioni militari sanzioni, embargo, isolamento ed assassini
  • Indonesia 1965: sostegno all’insediamento della dittatura Suharto e consegna ai militari indonesiani della lista di 5000 nomi di comunisti da eliminare
  • Ghana 1966: colpo di stato appoggiato dalla Cia per rovesciare Nkrumah
  • Uruguay 1969-72: addestramento e organizzazione della repressione contro i Tupamaros
  • Cile 1964-73: sabotaggio della campagna elettorale di Allende nel 1964, destabilizzazione del governo Allende dal 1970 e sostegno al colpo di stato e alla dittatura Pinochet
  • Grecia 1967-74: attiva collaborazione della CIA e delle forze armate USA al colpo di stato
  • Sudafrica anni ‘70-’80: intensa collaborazione della CIA con i servizi segreti per la repressione dell’African National Congress e per la cattura di Mandela; violazione dell’embargo sulle armi verso il Sudafrica disposto dall’ONU
  • Bolivia 1964-75: aiuto della CIA e del Pentagono nel rovesciamento del governo Paz; conduzione da parte della CIA dell’operazione di eliminazione di Che Guevara
  • Australia 1972-75: USA e Inghilterra riescono a far allontanare dal governo il premier laburista Whitlam
  • Iraq 1972-75: Gli USA dispongono ingenti aiuti militari agli oppositori Kurdi per indebolire l’Iraq coinvolto nella guerra con l’Iran, tranne ritirare loro ogni aiuto nel momento in cui gli USA approvarono il riavvicinamento Iran-Iraq
  • Portogallo 1974-76: destabilizzazione del governo nato dalla rivoluzione dei garofani e intimidazione della popolazione fino al successo dei candidati appoggiati e finanziati dalla CIA
  • Timor Est 1975-99: sostegno del governo degli USA all’invasione da parte dell’Indonesia e del successivo genocidio attuato nei confronti della popolazione
  • Angola anni ‘60-’80: Il governo USA entra in sostegno di una delle parti in causa nella guerra civile, inducendo l’URSS a sostenere l’altra parte; la guerra provocherà più di 500 mila morti
  • Giamaica 1976: tentativo di impedire la rielezione di Manley
  • Honduras anni ‘80: invio di migliaia di soldati per sostenere le operazioni antiguerriglia in Salvador e Guatemala e per servire come centro di addestramento e rifornimento per i contras del Nicaragua; stretto controllo sulla politica interna honduregna da parte dei diplomatici americani
  • Nicaragua 1978-90: sostegno attivo alla guerriglia dei contras, oppositori del neogoverno sandinista; interferenza massiccia nelle elezioni del 1980 che videro la sconfitta dei sandinisti
  • Filippine anni ‘70-’90: finanziamenti e sostegno alla stabilizzazione del governo responsabile di repressioni, miseria e torture
  • Seychelles 1979-81: coinvolgimento della CIA in un tentativo di invasione
  • Yemen del Sud 1979-84: sostegno aiuti e addestramento alle forze paramilitari che miravano a far cadere il governo
  • Corea del Sud 1980: attivo sostegno al governo di Chun responsabile della repressione della contestazione studentesca, sfociata nell’uccisione di duemila persone
  • Grenada 1979-83: destabilizzazione e invasione dell’isola per il rovesciamento di Maurice Bishop
  • Suriname 1982-84: organizzazione di un invasione poi abortita da parte della CIA
  • Libia 1981-89: abbattimento di due aerei libici nello spazio aereo libico, bombardamento della residenza di Gheddafi, tentativi di assassinio del leader, sanzioni economiche
  • Isole Fiji 1987: organizzazione del colpo di stato Rabuka contro il governo Bavrada
  • Panama 1989: invasione di Panama con centinaia di civili uccisi e migliaia di feriti ufficialmente per catturare l’ex alleato, il dittatore Noriega, in realtà per intimidire il Nicaragua alla vigilia delle elezioni
  • Afghanistan 1979-92: massiccio sostegno ai Talebani opposti al governo laico filosovietico
  • El Salvador 1980-92: coinvolgimento effettivo di truppe americane nei combattimenti della guerra civile, finanziamenti per 6 mld di dollari alle forze filo regime
  • Haiti 1987-94: sostegno alla dittatura Duvalier e condizionamento del governo Aristide
  • Bulgaria 1990-91: finanziamento per 1,5 mld di dollari al partito di opposizione; organizzazione da parte dell’organizzazione USA NED di sommosse popolari per rovesciare il risultato delle elezioni fino alle dimissioni del governo
  • Albania 1991-92: organizzazione da parte del NED del rovesciamento del risultato delle elezioni fino alle dimissioni del governo
  • Somalia 1993: intervento diretto delle truppe americane contro il ‘signore della guerra’ Aidid, volto in realtà a ripristinare il controllo delle compagnie americane sui campi petroliferi
  • Jugoslavia 1999: bombardamenti sulla Serbia per consentire la secessione del Kosovo dalla Federazione Jugoslava
  • Iraq 1991-2002: bombardamenti per 40 giorni e notti sull’iraq pari a 80.000 tonnellate di esplosivo, tra cui molti con uranio impoverito; un milione di bambini morti in dieci anni a causa delle sanzioni economiche e della distruzione delle infrastrutture
  • Perù 1990-2000: sostegno tramite consulenza e addestramento militare, fornitura di armamenti e finanziamenti al governo repressivo Fujimori, responsabile di violazione dei diritti umani e uso della tortura
  • Messico 1994-1998: addestramento finanziamento e approvvigionamento di armi alle forze paramilitari e ai servizi segreti opposti agli zapatisti

Non c’è che dire, l’azione democratizzatrice degli amerikani non ha conosciuto sosta. Il risultato è il mondo in cui viviamo; il migliore possibile (secondo loro). Di tutte le buone azioni elencate, non si ricorda ufficialmente e mediaticamente nessun anniversario.
Che sbadati!!!

Annunci