Oggi ho acquistato la mia prima confezione di un nuovo Toscano, il Mascagni, che fa parte della collezione dedicata ai fumatori storici del Toscano. Figurano infatti queste scatole dedicate: Garibaldi, Soldati, Modigliani.
Questo nuovo Toscano ha un confezione illustrata a modo ed in cui compare un ritratto del famoso musicista e compositore.
I cinque sigari contenuti nella scatola sono imbustati singolarmente con opportuna fascetta cartacea su cui figura il nome del sigaro.

Come mio solito fumo un ammezzato del sigaro intero e l’ammezzamento è semplice e senza dover esercitare uno sforzo eccessivo come avviene per il Toscano Originale.
Il colore del sigaro è marrone senza particolari screziature e le dimensioni sono leggermente più cospicue rispetto all’Extravecchio.
Il profumo più evidente è quello di pelle di camoscio.
La fascia esterna è semilucida, senza eccessive irregolarità e l’aspetto complessivo del sigaro è invitante, fresco e … bello.

Il tiraggio è ottimo e l’accensione è agevole non richiedendo un tiraggio eccessivo.
La fumata è regolare e il sigaro brucia uniformemente, lasciando una cenere grigiastra chiara di buona compattezza.
L’aroma è però incerto, indefinibile, un po’ amaro e dal corpo di media forza. Nella sostanza è un sigaro gradevole, non corposo come l’Extravecchio, ne languido come l’Antica Riserva.
L’impatto sulla lingua non è dei più forti. Una fumata gradevole, ma senza note di maestosità come l’Originale o l’Antico.

8 euro per questi sigari sono decisamente troppi, come lo sono i 9 euro per i Soldati, ma se si vuole scoprire come sono, bisogna essere un po’ generosi.
Buona fumata a tutti 🙂

Annunci