Mi sono andato ad informare su che cosa sia il Gruppo Bilderberg, di cui si legge nei siti di controinformazione.
La pagina di Wikipedia Italia è questa: https://it.wikipedia.org/wiki/Gruppo_Bilderberg
Non c’è scritto molto e mi sono stupito.
Allora sono andato a vedere quella inglese: https://en.wikipedia.org/wiki/Bilderberg_Group

Come potrete notare, mancano alcune info che oserei definire…”piccanti”.
Ho quindi proceduto ad arricchire la pagina di Wikipedia Italia, ma….è stato impossibile.
Mi è stato detto che Wikipedia non è una fonte da cui attingere informazioni, poi dopo il mio nuovo tentativo, sono stato sospeso.

Le informazioni mancanti riguardano le Critiche al Gruppo Bilderberg e i nomi italiani che fanno parte di questo famigerato Gruppo.
Wikipedia Italia non accetta la mia integrazione e allora ve la do io da qui.

Critiche
Secondo il presidente Étienne Davignon, una delle principali attrazioni delle riunioni del gruppo Bilderberg è che esse danno ai partecipanti l’opportunità di parlare e di dibattere candidamente per scoprire cosa pensano realmente le grandi figure, senza il rischio che i commenti divengano fonte di polemiche per i mezzi di comunicazione. Tuttavia, anche a causa dei suoi metodi per garantire una rigorosa privacy, il Gruppo Bilderberg è stato criticato per la sua mancanza di trasparenza e responsabilità. Sono sorte anche preoccupazioni circa il lobbying. Grazie alla sua privacy, il Bilderberg è anche accusato di cospirazione. Questa prospettiva è popolare in entrambi gli estremi dello spettro politico, anche se sono in disaccordo circa l’esatta natura delle intenzioni del gruppo. Alcuni esponenti di sinistra accusano il gruppo Bilderberg di aver cospirato per imporre il dominio capitalista, mentre alcuni altri di destra hanno accusato il gruppo di aver cospirato per imporre un governo mondiale e l’economia pianificata.

Nel 2001, Denis Healey, uno dei fondatori del gruppo Bilderberg e , per 30 anni , un membro del comitato direttivo, ha detto : “Dire che stavamo lottando per un unico governo mondiale è esagerato, ma non del tutto ingiusto. Noi del Bilderberg abbiamo sentito che non si poteva andare avanti per sempre a lottare l’un contro l’altro per nulla e uccidere la gente e creare milioni di senzatetto. Quindi abbiamo ritenuto che una singola comunità in tutto il mondo, sarebbe una buona cosa”. Nel 2005 Davignon ha discusso queste accuse con la BBC: “è inevitabile e non importa. Ci saranno sempre persone che credono in complotti, ma le cose accadono in un modo molto più incoerente… Quando le persone dicono che questo è un governo mondiale segreto, dico che se fossimo un governo segreto, ci dovremmo maledettamente vergognare di noi stessi”.

In una relazione del 1994 Right Woos Left, pubblicato dal Political Research Associates, il giornalista investigativo Chip Berlet ha sostenuto che le teorie cospiratrici populiste riguardanti il gruppo Bilderberg risalgono già al 1964 e possono essere ritrovate nel libro auto-pubblicato da Phyllis Schlafly, A Choice, Not an Echo, che ha promosso una teoria della cospirazione in cui il Partito repubblicano era segretamente controllato da intellettuali elitari dominati dai membri del gruppo Bilderberg, la cui politica internazionalista aprirebbe la strada per il comunismo mondiale. Paradossalmente, nel mese di agosto 2010 l’ex presidente cubano Fidel Castro ha scritto un articolo controverso per il giornale cubano del Partito comunista Granma, in cui ha citato il libro di Daniel Estulin del 2006 The Secrets of the Bilderberg Club che, come citato da Castro, descrive “cricche sinistre dei lobbisti Bilderberg” per manipolare l’opinione pubblica “per installare un governo mondiale che non conosce confini e non è responsabile di nessuno”.

I fautori di teorie del complotto Bilderberg negli Stati Uniti sono individui e gruppi come la John Birch Society, l’attivista politico Phyllis Schlafly, lo sceneggiatore Jim Tucker, l’attivista politico Lyndon LaRouche, l’ospite radiofonico Alex Jones e il politico Jesse Ventura, che ha fatto del gruppo Bilderberg un argomento di una puntata del 2009 della sua serie TruTV Conspiracy Theory with Jesse Ventura. Tra i sostenitori non americani è compreso lo scrittore russo-canadese Daniel Estulin.

Membri italiani del Gruppo

  • Enrico Letta, Primo Ministro Italiano|Presidente del Consiglio
  • Emma Bonino, Ministro degli Esteri
  • Mario Draghi, Presidente della Banca Centrale Europea
  • Mario Monti, Economista e precedente Primo Ministro
  • Renato Ruggiero, precedente direttore del WTO, politico

Nota finale:

Mi sono chiesto perchè non volessero accettare la traduzione dalla versione inglese e mi sono andato ad informare. Ecco cosa compare nella pagina di Aiuto

Perché non volete mettere una voce che è presente su Wikipedia in lingua inglese?
Tutte le edizioni di Wikipedia nelle varie lingue sono completamente indipendenti tra di loro. Generalmente non c’è nulla di male nel tradurre parte o tutta una voce da una lingua all’altra (ricordandosi di inserire come “fonte” la versione della voce che è stata usata, per soddisfare i vincoli della licenza Creative Commons usata dall’enciclopedia); ma le linee guida delle varie versioni possono essere diverse, e quindi una voce accettata in un’edizione può non essere ammessa in un’altra.

Bella risposta. Chiara e scritta in modo esemplare…se non fosse che non è specificato il perchè non venga accettata.
Bah, misteri di Wikipedia all’italiana!

Annunci