Ieri sera, 25 marzo 2014, ho partecipato al terzo incontro – secondo per me – sulle tematiche della Nuova Medicina Germanica e, nella fattispecie, sui conflitti osteoarticolari.
È un tema alquanto interessante per la stragrande maggioranza delle persone. Chi non ha mai avuto mal di schiena, o una cervicale furibonda, o un ginocchio gonfio?
Josef Sachsalber, Heilpraktiker tedesco, ha tenuto questo incontro di 3 ore su questa tematica ed è stato molto interessante.

Il prologo è stato di particolare interesse, pur non essendo specificamente legato alle questioni osteoarticolari, in quanto ha trattato il tema degli agenti patogeni esterni, in particolare le onde elettromagnetiche, indicando come alcuni studi ipotizzino che la costante aggressione delle microonde dei cellulari e delle onde elettromagnetiche dei vari strumenti elettronici, possano essere interpretati dall’organismo come aggressioni indesiderate con grande rilascio di istamina, generando reazioni di tipo allergico.
Di grande impatto per me, la considerazione sul fatto che la Natura non ci ha fornito degli opportuni programmi difensivi nei confronti di queste energie, giacché le onde elettromagnetiche e le microonde non fanno parte della storia della vita su questo pianeta.
Comunque la lezione è stata molto interessante anche per il preambolo evolutivo sulla genesi dell’apparato muscolo scheletrico e le sue funzioni, comprendendo il collegamento tra l’evoluzione cerebrale seguita allo sviluppo delle strutture di supporto e movimento.
Molto utile e per me nuova, la spiegazione dei vari livelli conflittuali e le strutture coinvolte per ognuno di esso, utile per capire la profondità del conflitto di svalutazione che il singolo soggetto prova.
La lezione ha compreso le informazioni generali su quanto avviene nella fase di Conflitto attivo e su quanto avviene nella seconda fase di riparazione, illustrando dettagliatamente sia le ragioni del dolore (tensione e gonfiore del periostio) che le le ragioni della cosiddetta “leucemia” che accompagna la riparazione tissutale ossea.
Di grande interesse la illustrazione del fenomeno reumatico, del fenomeno osteoporotico in cui il relatore ha fatto numerosi esempi delle ragioni per cui una donna possa o meno andare incontro all’osteoporosi.
Josef Sachsalber ha voluto più volte ribadire, giustamente, che la ricerca delle cause conflittuali, nelle patologie osteomuscolari, non deve prescindere dalla ricerca delle cause statiche, ovvero delle cause oggettive (malocclusioni dentali, problemi all’articolazione temporo-mandibolare, problemi muscolari posizionali, ecc.) e che nel trattamento della persona è si necessario ricercare e risolvere il conflitto biologico, ma non è da escludere l’impiego di pratiche terapeutiche naturali ormai palesemente efficaci (osteopatia, kiropratica, omeopatia, agopuntura, massaggi, ecc.).

Un ringraziamento da parte mia va a Terra e Sole di Rimini, un negozio di articoli naturali che ha organizzato questi incontri. Un altro ringraziamento va a Josef Sachsalber per la sua competenza e un arrivederci a martedi 29 aprile con “I conflitti legati ai reni”.