Caro me,
in un silenzio incantato, hai percorso le vie del mare in totale solitudine,
molta più deserta è la città in occasione della festa o del riposo.
Ma tu da orso di città
hai voluto essere diverso,
ti sei alzato quando gli altri dormivano
e nel freddo della mattina più orgiastica dell’anno
hai cercato di raggiungere il posto che più ti da pace…
…il mare.

Gabbiani appollaiati sulla battigia,
a completare uno sfondo bellissimo.
A loro non gliene frega nulla del natale, non sanno nemmeno cosa sia…
…e nemmeno a te importa nulla.

Eri un gabbiano la,
a guardare il lucente riflesso di uno squarcio di nubi
su onde fiacche, ma comunque vive…come te.
Un lucente riflesso da nord
incredibile il contrasto.
A levante un grigio folto, quasi nebbioso…
…a nord una luce di speranza e di freddo.

Come un gabbiano
hai spinto lo sguardo
dove i tuoi stessi occhi
fatican a vedere.
Sei volato via, libero…
…bella mattinata.

Grazie 🙂
SAMSUNG