Tratto da: The Merck Manual of Diagnosis & Therapy, 19th Edition (2011)
Traduzione e adattamento di Giorgio Beltrammi

I cancri nasofaringei sono rari in europa e america, ma frequenti nelle regioni costiere della Cina. I sintomi si sviluppano tardivamente e comprendono il sanguinamento unilaterale dal naso, ostruzione nasale, gonfiore del volto e intorpidimento. La diagnosi è basata sull’ispezione e la biopsia, con la TC , RMN e PET per valutare l’estensione. Il trattamento avviene con radio e chemioterapia, raramente con l’asportazione chirurgica.
Il carcinoma squamocellulare è la forma più comune dei tumori del rinofaringe. Altre forme di cancro sono l’adenoido-cistico e i carcinomi mucoepidermoidi, tumori maligni misti, adenocarcinomi, linfomi, fibrosarcomi, osteosarcomi, condrosarcomi e melanomi.

Sintomi e segnali

Il primo sintomo è spesso l’ostruzione nasale o della tromba di Eustachio, che causa una ipoacusia per il coinvolgimento dell’orecchio medio. Altri sintomi possono essere lo scolo di materiale purulento ed ematico dal naso, epistassi franca, paralisi di nervi cranici e linfoadenomegalie cervicali. La paralisi dei nervi cranici coinvolge primariamente il terzo, quarto e sesto paio di nervi, data la loro collocazione nel seno cavernoso, in stretta prossimità del forame lacero. Poiché i linfatici del rinofaringe sono a cavallo della linea mediana, le metastasi bilaterali sono comuni.

Carcinoma rinofaringeo – La Natura non crea sfigati!.

Annunci