Tratto da: Navigating Cancer
Traduzione e adattamento di Giorgio Beltrammi

L’immunoterapia, chiamata anche terapia biologica, è un tipo di trattamento del cancro progettato per incrementare le difese naturali del corpo al fine di eliminare il cancro [1]. Fa uso di sostanze prodotte dal corpo od in laboratorio, per migliorare o ripristinare la funzione immunitaria. Non è del tutto compreso come funzioni l’immunoterapia anti-cancro. Tuttavia potrebbe funzionare nel modo seguente:

  • Fermando o rallentando la crescita delle cellule tumorali
  • Fermando la metastatizzazione del cancro in altri distretti organici
  • Aiutando il sistema immunitario a lavorare meglio nella distruzione delle cellule cancerose.

Ci sono diversi tipi di immunoterapia, compresi gli anticorpi monoclonali, le immunoterapie non specifiche ed i vaccini anticancro.

Anticorpi Monoclonali (MAB)

Quando il sistema immunitario riconosce degli antigeni, produce degli anticorpi. Gli antigeni sono delle sostanze pericolose, come batteri, virus, funghi, o parassiti. Gli anticorpi sono proteine che combattono le infezioni. Gli anticorpi monoclonali sono prodotti in laboratorio. Quando questi vengono somministrati alla persona, essi agiscono come gli anticorpi prodotti dallo stesso organismo. Un MAB viene diretto contro una specifica proteina contenuta nelle cellule del cancro e non colpisce le cellule che non possiedono quella proteina [6].
Quando un MAB attacca una cellula cancerosa, può raggiungere questi risultati:

  • Consentire al sistema immunitario di distruggere la cellula cancerosa. Il sistema immunitario non riconosce sempre le cellule tumorali come pericolose [7]. Un MAB può marcare le
    cellule cancerose attaccandosi a parti specifiche delle cellule cancerose non presenti nelle cellule sane. Questo rende più facile al sistema immunitario il trovare e distruggere le cellule alterate. I MAB che etichettano la proteina PD-1 sono un buon esempio. PD-1 rende il sistema immunitario incapace di riconoscere se una cellula è cancerosa, quindi il farmaco che blocca il PD-1 permette al sistema immunitario di identificare ed eliminare il cancro.
  • Impedisce alle cellule cancerose di crescere rapidamente. Sostanze chimiche inducono le cellule a crescere attaccandosi ai recettori posti sulla loro superficie. Queste sostanze sono dette fattori di crescita. I recettori di queste sostanze sono detti recettori dei fattori di crescita. Alcune cellule cancerose producono recettori in numero maggiore, il che favorisce la crescita più rapida delle cellule [8]. I MAB possono bloccare questi recettori ed evitare che passi il segnale di crescita.
  • Guidare le radiazioni direttamente sulle cellule cancerose. Questo trattamento, detto di radioimmunoterapia, usa i MAB per questa finalità. Attaccando molecole radioattive ai MAB,
    questi possono somministrare basse dosi di radiazione alle cellule tumorali, lasciando integre le cellule sane.
  • Diagnosticare il cancro. I MAB possono veicolare sostanze radioattive che possono aiutare a diagnosticare il cancro, come quello colorettale, ovarico o prostatico.
  • Trasportare farmaci direttamente alle cellule cancerose. Una volta che i MAB sono adesi alle cellule cancerose, i farmaci penetrano nelle cellule cancerose, senza entrare in quelle sane.

Sorgente: Effetti collaterali della Immunoterapia – La Natura non crea sfigati!

Annunci