Questo è il testo di una mail che mi è arrivata nel pomeriggio da parte di un sedicente giornalista:
Buonasera signor Beltrammi, sono un giornalista del Resto del Carlino di Rimini. Volevo chiederle se era disposto a fare un’intervista con noi sul gruppo di Hamer a Rimini e a commentare quanto successo alla giovane mamma morta nei giorni scorsi.
Le lascio anche il mio numero di cellulare ———-

Grazie per l’attenzione
Attendo sue notizie

Filippo Graziosi

Redazione Rimini – il Resto del Carlino

Tel. +39 0541438111

Piazza Cavour 4

47921 Rimini

e questa è la mia risposta:

Buonasera Signor Graziosi, sono le 23:23 del 3 settembre.
Io non, ripeto NON rilascio interviste in genere e nemmeno nello specifico. Riguardo all’episodio di cui accenna nella sua lettera, non so nulla, quindi non, ripeto NON mi esprimo.
Se appartiene già a un “gruppo di Hamer a Rimini”, ha già tutte le informazioni che le servono, io non vi sono di alcun aiuto.
Si cerchi pure un altro interlocutore.

Questa mail, compresa la sua richiesta verrà pubblicata sui canali più conosciuti.

Buona domenica