Perla saggia:
Non abbattere mai una palizzata
prima di conoscere le ragioni per cui fu costruita.

Gilbert Chesterton

Una introduzione alle contraddizioni tra la scienza medica e la politica di immunizzazione
di Alan Phillips, Direttore di “Citizens for Healthcare Freedom
Website: Vaccine Legal Exemptions

Tratto da “Dispelling MITO-VACCINAZIONEs” – http://chetday.com/vaccinationmyths.htm
Traduzione e adattamento di Giorgio Beltrammi

Introduzione

C’è una legittima controversia?
Quando mio figlio era destinato ad iniziare la vaccinazione di routine all’età di 2 mesi, non sapevo che ci fossero dei rischi associati alla immunizzazione. Ma informandomi vidi una contraddizione: le possibilità di mio figlio di avere una reazione avversa grave al vaccino DTP (Difterite, Tetano e Pertosse) erano di una su 1750 vaccinazioni, mentre le sue chances di morire per la pertosse erano di una su svariati milioni di casi. Quando dissi questo al medico, dissentì nervosamente ed uscendo dalla stanza borbottò «Devo trovare il tempo per leggerlo, una volta…» Presto ho appreso di un bambino invalido permanentemente da vaccinazione, quindi ho deciso di investigare per mio conto. Le mie ricerche mi hanno così allarmato, che ho deciso di condividerle; quindi ecco il mio reportage.

Le autorità sanitarie dicono che le malattie infettive sono diminuite grazie alle vaccinazioni e assicurano che esse sono sicure ed efficaci. Tuttavia queste affermazioni sono direttamente contraddette dalle statistiche governative, da studi medici pubblicati, dai reports della Food and Drug Administration (FDA) e del Centers for Disease Control (CDC) e dalle opinioni di accreditati ricercatori di tutto il mondo. Mentre le malattie infettive sono diminuite spontaneamente per decenni, prima che avvenisse l’immunizzazione di massa, i medici americani denunciano migliaia di reazioni gravi ai vaccini anno dopo anno, comprese centinaia di morti e disabilità permanenti. Popolazioni pienamente vaccinate sviluppano ugualmente delle epidemie e i ricercatori denunciano che dozzine di malattie immunitarie e neurologiche sono drammaticamente incrementate dopo le recenti campagne di vaccinazione a tappeto.

Decenni di studi pubblicati nelle migliori riviste mediche del mondo, hanno documentato il fallimento dei vaccini ed i severi eventi avversi alla vaccinazione, compresa la morte. Dozzine di libri scritti da medici, ricercatori ed investigatori indipendenti, rivelano serie mancanze nella teoria e nella pratica dell’immunizzazione. Eppure, incredibilmente, la maggior parte dei pediatri e dei genitori sono inconsapevoli dei risultati di queste ricerche. Qualcosa è cominciato a cambiare negli ultimi anni, da quando numerosi genitori e strutture sanitarie nel mondo hanno cominciato a capire i problemi legati alle immunizzazioni obbligatorie. C’è un crescente movimento internazionale che si allontana dalle vaccinazioni obbligatorie. Questo mio report introduce ad alcune informazioni che sono alla base di questo movimento planetario.

Il punto non è dirvi se vi dovete o non dovete vaccinare, ma piuttosto offrirvi delle buone ragioni sul perché sia bene informarsi prima di decidere se vaccinarsi o meno. Come giovane genitore, sono rimasto shoccato dallo scoprire l’assenza di qualsiasi obbligo legale e di principio etico da parte dei pediatri, che li obblighi ad essere informati sui rischi delle vaccinazioni; per non parlare dell’assenza di obbligo ad informare genitori e parenti sul fatto che il proprio figlio possa incorrere nella morte o nella disabilità permanente a seguito della vaccinazione. Sono rimasto ugualmente spiazzato nello scoprire personalmente che i medici, sebbene con le migliori intenzioni, applicano procedure basate su informazioni incomplete, se non proprio illegali o assenti.
Questo articolo è solo una breve introduzione; è raccomandata una attenta e scrupolosa informazione da eseguire personalmente.

State attenti: molte persone hanno trovato pediatri indisposti o incapaci a discutere questo argomento in modo calmo e con mente aperta. Forse per questioni di orgoglio personale e professionale, che li porta a credere rigidamente che i vaccini siano sicuri ed efficaci, o forse perché gli viene richiesto di promuovere le vaccinazioni. Ma in ogni caso, eventi aneddotici suggeriscono che la maggior parte dei medici ha gravi difficoltà nell’ammettere che non sanno nulla al riguardo dei vaccini. Il primo pediatra con il quale ho condiviso le mie scoperte, si è mostrato irritato e infastidito mentre gli illustravo pacatamente l’argomento. Le idee erronee hanno radici molto profonde.

Sorgente: Miti e Vaccini – Attivazioni Biologiche

Annunci