Ryke Geerd Hamer – nato il 17 maggio 1935 a Mettmann in Renania – era un medico, teologo ed inventore tedesco che ha scoperto le 5 Leggi Biologiche dopo essere stato vittima di un gravissimo lutto, la perdita del figlio Dirk, in un incidente mortale a largo dell’isola di Cavallo, nel 1978.

Alle 3 della mattina del 18 agosto, durante una festa svoltasi su una nave, un aristocratico italiano, Principe Vittorio Emanuele di Savoia, spara per errore verso una persona sconosciuta che dorme sopra coperta in una barca vicina. Quella persona era Dirk Hamer, di 19 anni, uno dei figli del Dr. Ryke Geerd Hamer. Dopo la drammatica notizia, il padre trasferisce il figlio a Monaco. Per circa 4 mesi il figlio si trova tra la vita e la morte, per poi morire il 7 dicembre dello stesso anno ad Heidelberg.

La tragica morte del figlio, insieme alle difficoltà investigative e ad un complicato processo giudiziario successivo, colpisce profondamente la famiglia Hamer. Dopo questo drammatico fatto, il Dr. Hamer sviluppa un cancro del testicolo, mentre sua moglie Sigrid Oldenburg, recidiva per quattro volte consecutive una malattia tumorale a carico delle ovaie.
A partire dalla morte del figlio e dallo sviluppo del cancro in se stesso ed in sua moglie, il Dr. Hamer formula l’ipotesi che i due fenomeni – stranamente entrambi alle gonadi – possano essere in relazione con la perdita inaspettata del proprio figlio.
L’essere internista a capo di una clinica oncologica a Monaco, gli offre la possibilità di investigare sulle storie dei pazienti affetti da tumori, faccia a faccia con loro. Presto trova conferma, come in se medesimo, che tutti loro hanno vissuto uno shock inatteso di qualche tipo e che ognuno di questi shock aveva una relazione organica simile in ogni persona.
Tre anni più tardi, il Dr. Hamer conferma che questa profonda perdita sarebbe stata la causa dell’inatteso carcinoma testicolare. Egli stesso chiamerà questo evento con la sigla DHS (Dirk Hamer Syndrome) in memoria di suo figlio.
In questo modo il Dr. Hamer fa la sua prima scoperta: tutte le malattie cancerose cominciano con uno shock psichico molto intenso, uno shock conflittuale (biologico) per il quale l’essere umano è colpito in modo tanto inatteso che si trova in una condizione di inibizione all’azione (impotenza), secondo la formula del professore Henri Laborit, medico chirurgo, biologo e filosofo del comportamento animale, ma soprattutto umano.

Hamer verifica la sua teoria su numerosi casi, incluso – ironia del destino – quello del padre dell’assassino di suo figlio, Umberto II di Savoia, che percepisce la propria autostima così fortemente ferita dalla perdita dell’onore, da sviluppare un cancro osseo.
Disse il Dr. Hamer:

«Umberto ci diede una prova classica dello sviluppo dello shock biologico e la corrispondenza esatta del tipo di cancro e della sua evoluzione.
Mentre Casa Savoia sperava di evitare il processo e trattenere la confessione ufficiale dell’omicidio (era stato offerto molto denaro al Dr. Hamer per comprare il suo silenzio), la malattia dell’ex momarca sembrava essersi fermata.
(…) Ma quando il tribunale supremo francese decise – il 18 maggio 1982 – di accusare il principe di presunto omicidio colposo ed iniziare il processo di udienza, ciò provocò in Umberto una drammatica recidiva del conflitto e del cancro dell’osso. La propria autostima fu annichilita!»

Continua –>

Annunci